Schiacciatine croccanti ai semi di Sesamo

ECCOMI QUA, di nuovo sul blog dopo molto tempo. 
Ormai pubblico di rado, ma non per pigrizia, semplicemente perché ho deciso di scrivere soltanto quando una ricetta mi racconta qualcosa, mi suscita emozioni e soprattutto quando è stata cucinata pensando a qualcuno.
Insomma come le chiamo io, quelle ricette che hanno come ingrediente principale l’amore.
Vi sembrerà strano che delle banali schiacciatine croccanti possano racchiudere tutto ciò, ma pensate a quanta magia c’è dietro ad un semplice impasto di acqua e farina, capace di generare un lievito e poi uno dei beni più preziosi … il PANE.
IL PANE con le sue mille sfaccettature, trasformista a tutto tondo, sensibile ai cambiamenti climatici e a quegli umorali di chi lo prepara.
Dolce, salato, croccante, morbido, arricchito con ciò che più ci piace e mai uguale.
Un giorno classico, l’altro addirittura esotico in base a quell’ingrediente che ci vai ad incorporare.
Un rito la sua preparazione fatta di movimenti lenti e mai frettolosi, fatta di paziente attesa, ripagata poi da ciò che andrai ad assaporare, già ti premia in cottura con il suo profumo .
Poco occorre alla sua preparazione se non delle mani, come un artista che dà forma alla sua argilla.

Un giorno per caso, ma adesso so che il caso non esiste, ho incontrato una persona che assomiglia molto ad una farina 100% integrale (decisamente difficile da impastare), ma che è stato per me PANE, nutrimento di quella parte di noi che smettiamo troppo spesso di alimentare … l’inconscio.
Se vi dovessi dire che sono riuscita a fare questo pane, vi direi una bugia, infatti per adesso ci limitiamo a sperimentare, provare ed assaporare nuovi sapori che la vita ci offre ogni giorno e ai quali spesso siamo cechi, ma credo che il bello di questo cucinare sia proprio questo … scoprire ogni giorno qualcosa di nuovo, capace di arricchire il nostro sapere.
E quando il processo di lavorazione arricchisce sia il fornaio che la farina … non ha niente di sbagliato.

Quindi … a quella cosa semplicissima ma al tempo stesso complicata, l’impasto di acqua e farina!

 

Ingredienti

Ingredienti per 4 Persone
200 g Farina 0
150 g Acqua a temperatura ambiente
5 g Lievito di birra fresco
1/2 cucchiaino Sale Fino
1 cucchiaio Olio Extravergine D’Oliva
20 g di Semi di Sesamo
1/2 cucchiaino di Miele 

Procedimento

Prima di tutto sciogliete il lievito in metà dell’acqua insieme al miele.
Mescolate e fate riposare una decina di minuti, il lievito deve risultare completamente sciolto.
Disporre la farina a fontana, poi unite il lievito e cominciate a impastare (se preferite potete utilizzare la planetaria).
Unite l’acqua piano piano e continuate ad impastare fino ad ottenere un impasto liscio e morbido ma non appiccicoso.
A questo punto unite l’olio e il sale e impastate in modo da incorporare bene tutti gli ingredienti.
Ungete leggermente una ciotola, ponete l’impasto e chiudete con pellicola.
Fate lievitare nel forno spento con la lucina accesa fino al raddoppio (circa 2 ore).
Riprendete l’impasto, mettetelo sulla spianatoia, sgonfiatelo ed unite i semi.
Tenetene da parte un po’ per decorare la superficie, se l’impasto risultasse troppo appiccicoso, aggiungete farina.
Stendete l’impasto cercando di dare la forma di un rettangolo e tagliate le schiacciatine della misura che preferite.
Bagnatele leggermente con un pennello e distribuite sopra i semi rimasti ( io ho unito anche del sale grosso e del rosmarino).
Ponete le vostre schiacciatine su una placca coperta con carta forno e rimettetele a lievitare per circa 60 minuti coperte con un telo umido.
Accendete il forno statico a 180 e cuocete per circa 20 minuti.
Sfornate e fare raffreddare su una gratella, le schiacciatine diventano croccanti solo dopo che si sono raffreddate.

Potete conservare le vostre schiacciatine per qualche giorno chiuse bene in un sacchetto o in un contenitore.

Ecco qualcosa di sfizioso da sgranocchiare durante e fuori dai pasti, ci vediamo presto con una nuova ricette dedicata agli incontri inaspettati che ci cambiano la vita!

Coralba

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *