Spaghetti con le Alici. Il mio #notriv

Il 17 Aprile si vota per un referendum richiesto da nove regioni, per vietare il rinnovo delle concessioni a trivellare entro le 12 miglia della nostra costa.

Il mare lo cucino, non lo trivello” è una bellissima iniziativa creata da alcune amiche blogger alla quale partecipo molto volentieri.

no triv
Parlare di cucina per parlare di mare, contribuendo in questo modo, a ricordare che il 17 Aprile si va a votare “SI” per difendere il mare, le nostre coste e per ribadire la necessità di puntare sullo sviluppo delle energie pulite e rinnovabili.

#NOtrivSEAfood un omaggio al mar Mediterraneo attraverso una ricetta.
Un piatto a base di pesce per invitare quanto meno alla giusta informazione su quello che succede proprio nei nostri mari.
Votare si o no al referendum è una questione assolutamente personale, ma credo sia giusto votare: un popolo evoluto, interpellato, risponde, non permettete che siano altri a farlo per voi.

Ecco gli hashtag per condividere la causa:
#ilmarelocucinononlotrivello
#notrivelle
#notriv
#referendum17aprile
#NotrivSEAfood

Ho deciso di rendere omaggio al nostro mare cucinando delle Alici, pesce azzurro ricco di proprietà nutrizionali straordinarie, capace di regalare anche ad un semplice piatto di pasta, un sapore forte e deciso.

gatti-e-pescatori

Photo Credit www.placidasignora.com

Spero che anche il vostro voto sia forte e deciso in difesa di uno dei nostri più grandi patrimoni, IL MARE. Continue reading “Spaghetti con le Alici. Il mio #notriv”

Ravioli di Zucca alla Crema di Parmigiano con Aceto Balsamico

Non so se vi siete mai accorti leggendo un libro di qualsiasi genere, come la cucina centri sempre.
Un piatto, un ristorante, un ingrediente, un profumo, un sapore, abilmente descritti dall’autore capace di riportare alla mente ricordi ed emozioni.
E se vi chiedete:
Ma i libri Horror?
Beh … anche lì, troverete splendidi coltelli dalle lame affilate.
Anche questo, è cucina!

Ecco da dove arriva questa ricetta … da un bellissimo romanzo che parla d’amore. Continue reading “Ravioli di Zucca alla Crema di Parmigiano con Aceto Balsamico”

Zuppa imperiale

So che siamo in piena estate e che fa caldo per pensare alle minestre in brodo, ma questa sera sono in vena di ricordi e visto che mi son beccata il mal di gola, ho pensato a mia nonna e a ciò che mi avrebbe preparato, sicuramente una super calorica zuppa imperiale, cotta in un buon brodo caldo.

La zuppa imperiale è un piatto tipico della tradizione culinaria Bolognese.
E’ un primo piatto molto semplice da preparare e ideale per le fredde giornate invernali.
Di questa zuppa ne parla anche Pellegrino Artusi nel suo “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”, anche se la chiama “minestra di semolino composta”.
Questa energetica e sostanziosa minestra mi riporta inevitabilmente alla mia infanzia, quando durante le feste mia nonna era solita preparala insieme ai tortellini e ai passatelli.

Continue reading “Zuppa imperiale”

Panzanella

In estate non c’è cosa più fresa e gustosa di un bel piatto di panzanella, o come la chiamava mio nonno “pan molle”.
Piatto povero della tradizione contadina che racchiude in se tutta l’essenza toscana.
Nato per riutilizzare il pane raffermo che veniva messo in ammollo nell’acqua, poi strizzato e condito con le verdure dell’orto.
Pane rigorosamente sciapo, cipolla, pomodori, cetrioli, conditi con aceto, olio rigorosamente toscano, sale, pepe e qualche foglia di basilico.

Continue reading “Panzanella”

Risotto alla “Giuseppe Verdi”

Il Maestro Giuseppe Verdi oltre ad essere uno dei compositori più famosi ed apprezzati al mondo, era anche un raffinato cultore del buon cibo.
In particolare del risotto.
Per celebrare il grande Maestro, lo chef francese Henry-Paul Pellaprat, gli dedicò un risotto che in suo onore prese il nome di “Risotto alla Giuseppe Verdi”.
Il cuoco prese ispirazione dalla ricetta originale del risotto che preparava spesso il musicista.
Il “Risotto alla Giuseppe Verdi” rimane ancora oggi, uno dei piatti rappresentativi della Bassa Parmense.
Continue reading “Risotto alla “Giuseppe Verdi””